Close

Mi è caduto un pedofilo fuori dal computer !

La Treccani definisce la pedofilia come una devianza sessuale che si manifesta con azioni, ricorrenti impulsi e fantasie erotiche che implicano attività sessuali con bambini prepuberi.

Già una ventina di anni fa, basta avere un pizzico di memoria (o internet), Giuseppe De Rita, all’epoca presidente del Cnel, definiva la legge 269 dell’agosto 98 (nota anche come legge anti-pedofilia) una “(…) Legge virtuale per un allarme virtuale, scritta per nascondere una realtà spaventosa: la pedofilia è nelle famiglie, il 90% degli abusi sui minori avviene in famiglia”.

 

 

Cosa è cambiato in questi anni ? Nulla, a parte il valore del mio Toshiba 9600, che è passato da “prodigio della tecnica” a ingombrante soprammobile.

Sempre una ventina di anni fa, basta avere un pizzico di memoria (o internet), un convegno sull’argomento, (citando dati del Censis) , ripeteva le stesse cose: “I 90% dei casi degli abusi sessuali avviene in famiglia; l’8% degli abusi è compiuto da persone esterne alla famiglia ma conosciute dal minore (e spesso si tratta di cosiddette figure “di riferimento”); solo il 2% dei casi chiama in causa persone sconosciute ai minori.

La violenza sessuale contro i minori è una realtà che si sviluppa dentro , e non fuori o contro gli istituti sociali più tradizionali (la famiglia, la scuola, la parrocchia e i luoghi di aggregazione).

La rete è il posto meno pericoloso in assoluto, per i vostri figli. Se hanno dei genitori che li seguono, ovviamente. Che bambini di tre anni vengano adescati da un pedofilo che si spaccia per il Grande Puffo lo trovo improbabile, visto che solitamente i bambini di tre anni non usano il computer. E gli adolescenti corrono gli stessi rischi ai quali si espongono quotidianamente, uscendo di casa per andare di nascosto a drogarsi in discoteca raccontandovi che vanno a studiare dal compagno di classe.

Quindi, quale è il problema pedofilia sulla rete? Che c’è qualche stronzo che si scambia foto e filmati che appagano la sua malattia mentale. E qualche figlio di puttana che ci costruisce sopra dei siti per lucrarci.

Per queste teste di cazzo, la legge c’è già. Quando li sgami, li metti in galera. E butti le chiavi, semmai. Limitare le libertà collettive per punire i singoli è sempre sbagliato. Quanto alla carta d’identità telematica, buone notizie: non serve. Bene o male, siamo tutti rintracciabili. Tranne chi non vuole farsi rintracciare. Ovvero quelli per i quali si fa la legge, che continueranno a studiare modi per non farsi rintracciare.

 

 

La rete è il mondo che ci entra in casa. Nel mondo c’è di tutto, da quelli che si eccitano con pratiche innocenti tipo gonfiare palloncini o indossare collant, fino ai pedofili. C’erano prima di internet e ci saranno dopo. Mettere una legge è come chiudere una strada. Si fa l’inversione a U e se ne cerca un’altra.

A meno che la pedofilia non sia un pretesto. A pensar male si fa peccato…

 

sempre vostro seph

 

Questo poichè un articolo serio di un problema tutt’ora presente vi chiedo di condividerlo . Grazie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: